sabato 8 novembre 2014

Cognons refudâts

Storie des fameis dai De Rosa e dai Conti di Poçalis che, fin dal 1953, a fasevin Dell’Asìno. Cheste e je une storie di cognons refudâts (cognomi rifiutati, par talian), des testemoneancis e dai documents comunâi une incredibil vicende umane tra Feagne (Fagagna, par talian) e Rivis Darcjan (Rive D'Arcano), in provincie di Udin.
Mudâ cognon vuê al è plui sempliç che tal passât. La vergogne o il desideri di no fâsi ridi par daûr e à puartât lis personis a sgambiâ cognon. Cheste storie e ven fûr dal Votecent, cuant che e jere tante emigrazion dal Friûl.

Al timp dai cramârs
Intes anagrafis di Napoleon si pues viodi che a Paluce, tal 1806, a erin 510 abitants. In 37 di lôr a erin cramârs, staie a dî vendidôrs ambulants, lant a tocjâ il 25 par cent de popolazion ative masculine. Se o pensin dopo ae morfologjie dal teritori e al Pas di Mont di Crôs che al è lì dongje, si capìs che altris cuarante oms a saran stâts doprâts pai taspuarts, tant che cjaradôrs, e dopo come ustîrs o locandîrs. E jere cussì in tantis bandis de Cjargne.
Propit su pe Cjargne a restavin pôcs di lôr par lâ a vore tai cjamps, tes cumieris e pal bosc. No jere cussì tant che pal Friûl, tignint di cont des tecnichis de agriculture dal Votcent, dulà che e coventave ancje il 90 per cent de popolazion. Soredut e jere tante miserie. Cussì a si capissin lis migrazions dentri dal Friûl, studiadis di Giorgio Ferigo tal libri “Cramars”, dal 1997.
A si trasferivin a Paluce sedi di Pontebe, di Dogne, sedi di Vît, indulà che i siei paisans a son clamâts “i asìns”. Cu la fin dal Votcent e si incrès la urbanizzazion dal Friûl e a si verifichin ancjemò spostaments di personis tal teritori, cirint lavôr e plui buinis condizions economichis.
Al è nassût parfin il cognon “Dal Asìn” par un von, salacor un dai tancj Zannièr, che a vignivin de Plêf di Âs, comuns di Vît e di Clausêt che, dal 1968, a son in provincie di Pordenon. Daspò il cognon al fo talianizât in “Dell’Asìno”, in cualchi câs gjavant lu accent te grafie.
Intal Cinccent, come che al à scrit Enos Costantini, intun libri sui cognons, a si cjatin une vore di “Asìn” a Travês, Glemone e Farle di Maian. Tal Votcent, jù pal Friûl, al jere un Angelo Dell’Asìno di Poçalis, Comun di Rivis Darcjan, cuntune famee plene di fruts. Altris Dell’Asìno a erin a San Denêl e a Cosean. Dome culì a son ancje vuê.

Batae di Feagne, Glesie di Sant Stiefin, costruzion dal Cinccent, 
cu la tôr e il cimitieri. Fotografie dal sît Internet dal Comun di Feagne

A Feagne
Al è capitât dongje di Feagne, te metât dal Nûfcent, come che e conte la int, che chest cognon, al faseve mudâ la pronunzie. Cualchidun al diseve “àsino”, invezit di “asìn”. E ducj a ridevin parcè che i vignive tal cjâf il mus, che par talian al è propit “àsino”. Alore cuntune domande al tribunâl di Udin, il cognon al fo mudât, di cualche famee, in chel di “De Rosa”, come che al dîs Sergio Burelli “Sarustìn”, di Batae di Feagne, classe 1926, parcè che sô mari e jere Amabile De Rosa, in antîc Dell’Asìno. A erin stracs di jessi miscliçâts cul mus des orelis lungjis. Propit i Dell’Asìno di Feagne a erin finîts tal “paîs dai mus”, dulà che in place e si fâs la corse dai mus.
A son stadis trê lis fameis a sgambiâ il cognon. Cuntun avocât a àn utignût, tal 1953, de Cort di Apel di Vignesie di clamâsi “De Rosa” il siôr Luigi Dell’Asìno e so fradi Angelo. Lôr, tant che un patronimic, a erin clamâts “Gjuanon” o “Zuanon”, parcè che a erin i fîs di Zuan, un von alt e grues.

 Poçalis, 1952. Gnocis di aur par Canciana Pertoldi e Angelo Dell’Asìno “Zuanons”, sentâts tal mieç, cui cutuardis fîs. 
(Colezion Sergio Burelli, Feagne)

Angelo Dell’Asìno, classe 1873, al viveve a Poçalis, cu la femine Canciana Pertoldi, dal 1881, di Listize. A àn vût cutuardis fîs, siet oms e siet feminis, cualchidun emigrât in France, Gjermanie, Venezuele e Svuizare. A son ducj De Rosa vuê i discendents masculins di lôr. Il tiermin cussì poetic di “De Rosa” al fo sielzût di un parint predi. Al jere don Lionello Dell’Asìno, fi di Luigi, che al veve altris doi fradis: Primo e Attilio. Bisugne dî ancje che il cognon De Rosa, in antîc, al jere segnât intai libris di glesie a Spilimberc, Travês, Davian, Çopule, Pordenon, Udin, Cjampfuarmit e Monfalcon, come che al à scrit Enos Costantini.

Don Dell'Asìno al devente Don De Rosa tal 1953
Al jere ancje un predi a clamâsi Dell'Asìno. Come chei altris di famee, ancje lui, don Lionello Dell'Asìno, pal decret de Cort di Apel di Vignesie, al è autorizât a mudâ il cognon Dell'Asìno in chel di De Rosa” . Si pues lei la gnove te Riviste Diocesane di Udin, dal 1953. Cuissà se i siei amîs, par cjolilu vie, lu àn sore nomenât: "Pre Rosute"?


La storie di chei che a si clamin Conti, emigrâts in Venezuele
Un tierç ramaç dai Dell’Asìno al à volût clamâsi, invezit “Conti”. Il von al jere Lino Dell’Asìno, classe 1887, det in paîs “Zuanon”. Al è il tierç fradi di Angelo e Luigi, za nominâts di sore. I fradis a àn vût, duncje, cognons diviers dal 1953. La femine di chest Lino e jere Celestina Sclabi, dal 1895, di Rusclêt, in Comun di San Vît di Feagne. I vons a contin che «e si jere maridade cul grimâl plen di bêçs».
Di dulà vignivino i bêçs dai Sclabi? Dai cjamp di propietât e di une societât eletriche, e dîs la int. Di sigûr il pari di Celestina, Luigi Sclabi, tal 1910, al veve il maneç di un mulin e de trebie, une machine dal futûr par chel timp. Stant che Lino Dell’Asìno al à sposât Celestina Sclabi, une fantate plene di bêçs, la famee di lui e à sielzût un cognon cuntun tic di rispiet, tant chel di “Conti”. Ancje lôr a àn sgambiât cognon tal 1953, cu la poie de Cort di Apel di Vignesie. Trê fîs di Lino e Celestina, emigrâts in Venezuele viers il 1948, a àn vût tant sucès di comprâsi une strade intiere inte citât dulà che a vivevin e a lavoravin cui poçs di petroli. Par concludi, lis fameis furlanis “Conti” di Poçalis, prime dal 1953, a si clamavin “Dell’Asìno."

------

Notis di bibliografie

Une prime version di chest articul e je saltade fûr tal «Messaggero Veneto» dai 6 di Otubar dal 2009, inte pagjine de Marilenghe, rincurade de Societât Filologjiche Furlane, cul titul: “Asìns ma no mus, la storie di un cognon”.

-  Enos Costantini, Dizionario dei cognomi del Friuli, Udine, Messaggero Veneto, 2002.

- Giorgio Ferigo, Alessio Fornasin (cur), Cramars. Atti del Convegno internazionale di studi Cramars: emigrazione, mobilità, mestieri ambulanti dalla Carnia in età moderna, Tolmezzo, 8, 9 e 10 novembre 1996, Tavagnacco (UD), Arti grafiche friulane, 1997.
- "Rivista Diocesana Udinese", XLIII, marzo-aprile 1953, n. 3-4, p. 90.
- Tarcisio Venuti, Battaglia e la sua chiesa: notizie storiche su Battaglia e la chiesa di S. Stefano protomartire, Fagagna (UD), Pro loco Batae, Comune di Fagagna, 2003.