venerdì 17 maggio 2019

Centopassi, ristorante top a San Daniele del Friuli


È dall’inizio del 2000 che qui si dedicano alla cucina, alla cantina e all’accoglienza. 
Lo facevano in un altro simpatico punto vendita, tuttora attivo: l’Osteria di Tancredi, di via Sabotino. Dal 2016 anche al Centopassi c’è un’alta qualità del servizio e dei prodotti. Il prosciutto crudo di antipasto ha un profumo estasiante. Bella scoperta, dirà qualcuno. Ovvio che a San Daniele del Friuli (UD) ci sia un prosciutto eccezionale. Lo sanno perfino le frotte di austriaci e i tedeschi, che parcheggiano i pullman ai piedi del sagrato del Duomo e poi si infilano nelle mille degustazioni della cittadina collinare con in mano il calice di Tocai (o Friulano che dir si voglia).

La gentilezza al Centopassi si può cogliere dal cameriere che ti viene incontro appena entri, con un sorriso che sprizza simpatia. Sarà l’aria buona, quella che fa stagionare bene i prosciutti? La stessa aria, forse, mette un frizzante feeling nei contatti umani. Un altro antipasto da provare è la tacchinella rosata, peperoni grigliati, con salsa piccante, acciughe sott’olio, capperi e insalatina.
La tacchinella, mmh...

Tra i primi piatti, sono proprio ottimi gli agnolotti al Merlot ripieni di carni brasate col proprio sugo e pecorino. Se volete stare sul classico allora ci sono i gustosi tagliolini al prosciutto di San Daniele. 
Gli agnolotti al Merlot

Un piatto classico: tagliolini col prosciutto S. Daniele. Risponde bene al quesito in lingua friulana: "Bocje ce vûstu?" - Che cosa vuoi di buono?

Tra i secondi, oltre alle carni, sfizioso è lo spiedino di gamberi e coda di rospo alla crema di ortiche e crumble destrutturato di pomodori secchi. Il tutto innaffiato con ottimi vini friulani.
 Spiedino di gamberi e coda di rospo 

Per dolce non perdetevi la scodellina di cioccolato alla crema Chantilly e briciole di amaretto, alchechengi e caramello. Il posto è adatto pure ai vegetariani. Presenta opzioni vegane, opzioni senza glutine e seggiolone per bimbi. Prezzi in linea con la qualità. Parcheggio multipiano a 10 minuti dal ristorante.
Scodellina di cioccolato alla crema Chantilly...
--
Ristorante Centopassi, di Silvia Clochiatti. Via Garibaldi 41, 33038, San Daniele Del Friuli (UD). Telefono 0432.942199
--

Cenno bibliografico
La spagoguida del 2011. La prima guida ai ristoranti fatta dagli utenti, Milano, Morellini, 2010, p. 114.
--

Recensione di Elio Varutti. Networking a cura di Sebastiano Pio Zucchiatti. Fotografie di Daniela Conighi, che si ringrazia per la cortese concessione alla diffusione.

mercoledì 1 maggio 2019

Piccolo omaggio a Norma Cossetto, dall’ANVGD di Udine


A quasi 99 anni dalla sua nascita, noi la ricordiamo con queste parole. Dalle fotografie del cimitero di Santa Domenica di Visinada, oggi Croazia, si vede che la sua tomba reca solo il nome e la dicitura della “medaglia d’oro”. 

Le fu conferita nel 2005 dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi. Sulla lastra di marmo nulla si legge riguardo al motivo della morte. Norma Cossetto era nata a Visinada il 17 maggio 1920 e fu uccisa e gettata nella foiba di Villa Surani, Comune di Antignana, il 4 o 5 ottobre 1943. Sedici partigiani di Tito l’avevano violentata e torturata prima di buttarla nella foiba ancor moribonda con altre persone tra le quali alcune donne, pure stuprate.
Ecco la motivazione della medaglia d’oro al valor civile: “Giovane studentessa istriana, catturata e imprigionata dai partigiani slavi, veniva lungamente seviziata e violentata dai suoi carcerieri e poi barbaramente gettata in una foiba. Luminosa testimonianza di coraggio e di amor patrio”.
Il cimitero di Santa Domenica di Visinada. Fotografia di Giovanni Doronzo

Segniamo qui di seguito le parole di una intervistata del 2014. Si tratta di Marisa Roman di Parenzo nel 1929, che ebbe alcuni parenti infoibati o massacrati dai titini. “Io ero adolescente – ha detto la Roman – e frequentavo la scuola magistrale di Parenzo e la mia insegnante di italiano era Norma Cossetto, che fu stuprata da 16 aguzzini, gettata nella foiba di Villa Surani e recuperata dai pompieri di Arnaldo Harzarich. Noi compagne di classe restammo sconvolte da quel fatto atroce. Come si fa a fare quelle cose?”.
La tomba della famiglia Cossetto. Fotografia di Giovanni Doronzo

Chi è il maresciallo Harzarich? È colui che dal 21 ottobre 1943 andò a riportare alla luce ben 84 salme nella foiba di Vines, presso Albona, in Istria, secondo «Il Piccolo» del 22 ottobre 1943. Dopo l’8 settembre 1943, con l’esercito italiano allo sfascio, i partigiani titini occuparono l’Istria. In quel frangente, per vendetta contro i soprusi patiti sotto il fascismo, effettuarono le uccisioni nelle foibe. “Mio zio Carlo Alberto Privileggi, fratello di mia madre – aggiunge la signora Roman – fu fatto prigioniero con altri ‘per accertamenti’, dissero e dalla caserma dei carabinieri di Parenzo i titini lo portarono al castello di Pisino”. Poi finì ucciso nella foiba di Vines, durante la pulizia etnica. 
 --

Servizio giornalistico e di Networking a cura di Tulia Hannah Tiervo, Girolamo Jacobson e E. Varutti. Fotografie di Giovanni Doronzo, che si ringrazia per la gentile concessione alla pubblicazione e dall’archivio dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia Dalmazia (ANVGD), Comitato Provinciale di Udine, che ha la sua sede in Vicolo Sillio, 5 – 33100 Udine. Telefono e fax 0432.506203 – orario: da lunedì a venerdì  ore 9,30-12,30. Presidente dell’ANVGD di Udine è Bruna Zuccolin.

AIUTACI A CONTINUARE QUESTO IMPEGNO. ISCRIVITI AL COMITATO PROVINCIALE DI UDINE DELL’ANVGD !
La quota d’iscrizione per il 2019 è di euro 20 per il capofamiglia e di euro 5 per i familiari conviventi. Si può pagare presso la nostra sede a Udine in Vicolo Sillio 5, ricevendo un gadget. Se non potete spostarvi, telefonateci, verremo noi da voi.
Per fare i bonifici bancari questo è il numero di conto corrente e IBAN intestato all’ANVGD di Udine presso la UBI Banca, Filiale di Udine in via di Toppo, 87.
IBAN:  IT 62 G 03111 12300 000 000 000 233
-