venerdì 13 luglio 2018

Festa dei patroni a Udine col vescovo, sindaco, cittadini e associazioni, come l’ANVGD


Con grande intervento di popolo si è tenuta la tradizionale festa dei patroni nel Duomo di Udine il 12 luglio 2018. Alle ore 10,30 ha avuto inizio il rito religioso in onore dei Santi Ermacora e Fortunato e tra i tanti labari delle varie associazioni c’era pure quello dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia Dalmazia (ANVGD) Comitato Provinciale di Udine.
Udine, Duomo festa dei patroni - L'arcivescovo Mazzucato, il sindaco Fontanini e varie autorità. Fotografia di E. Varutti

Durante la Santa messa monsignore Andrea Bruno Mazzocato, arcivescovo di Udine ha voluto ricordare, oltre che la figura ecclesiale dei Santi Ermacora e Fortunato, anche il recente documento da lui scritto e consegnato ai fedeli il giorno precedente col titolo “Siamo una cosa sola perché il mondo creda”, reperibile in Internet e negli uffici della Curia. Proprio ai Primi Vespri dei Santi Patroni, del giorno 11 luglio, è stato lanciato ufficialmente il progetto diocesano delle Collaborazioni pastorali, una novità per rafforzare le parrocchie a quanto pare.
“Per la comunità di Udine – ha proseguito il presule –, essere la città dei santi Ermacora e Fortunato, significa qualificarsi per i grandi valori per cui loro hanno vissuto fino al martirio e nei quali, a nostra volta, vogliamo continuare a credere”.
Duomo di Udine - Il labaro dell'ANVGD spunta dietro gli amici del "Fogolâr Civic" coi professori Alberto Travain e Renata Capria D'Aronco vicino al gruppo dell'Antico Borgo Aquileia. Fotografia di E. Varutti

Al termine della messa monsignore Andrea Bruno Mazzocato, sul sagrato della chiesa ha voluto fare gli auguri al sindaco Pietro Fontanini e alla giunta comunale per il “coraggio e la sapienza” che dovranno avere nell’amministrare la città. A seguire c’è stata l’esibizione dei Danzerini di Borgo Pracchiuso in pittoresco costume friulano.
Numerose erano le autorità presenti, dal sindaco Pietro Fontanini al vicepresidente del Consiglio regionale, Stefano Mazzolini, poi c’erano e i consiglieri regionali Mariagrazia Santoro e Franco Iacop, nonché il questore di Udine, Claudio Cracovia. Diversi anche gli assessori e i consiglieri comunali della città, tra i quali la professoressa Elisabetta Marioni, socia ANVGD. Si sono notate tante autorità militari che hanno dato solennità alla festa dei patroni udinesi.
Alla fine della celebrazione – come da tradizione – l’Arcivescovo ha impartito, dal sagrato della cattedrale, con le reliquie dei Santi la benedizione alla città.
Udine, 12 luglio 2018, festa dei patroni, la Cattedrale gremita di fedeli e, nelle prime file, di alte autorità civili e militari. Fotografia di E. Varutti

Come accento l’Arcivescovo ha consegnato alla Chiesa udinese il documento intitolato Siano una cosa sola perché il mondo creda. Le Collaborazioni pastorali. Nuove opportunità per l’azione missionaria della Chiesa sul territorio friulano. Egli ha inoltre istituito 54 Collaborazioni pastorali. Sono stati nominati i nuovi 8 vicari foranei: per la Forania della Bassa friulana, mons. Igino Schiff; per la Forania del Friuli centrale, mons. Angelo Del Zotto; per la Forania del Friuli collinare, don Daniele Calligaris; per la Forania del Friuli orientale, mons. Livio Carlino; per la Forania del Medio Friuli, don Maurizio Zenarola; per la Forania della Montagna, mons. Pietro Piller; per la Forania della Pedemontana, mons. Duilio Corgnali; per il Vicariato Urbano di Udine, mons. Luciano Nobile.
C’erano vari soci dell’ANVGD a rappresentare il sodalizio udinese degli esuli d’Istria, Fiume e Dalmazia, essendo impegnata all’estero la presidente Bruna Zuccolin. Si sono notati tra gli altri il professor Elio Varutti, vice presidente ANVGD, con parenti di Fiume e di Pola, Fabiola Modesto Paulon, decana del sodalizio, nata a Fiume nel 1928, Rosalba Meneghini, con mamma e nonni di Rovigno, l’architetto Franco Pischiutti, con parenti di Fiume e Daniela Conighi, con genitori di Pola e di Fiume.
“Per la comunità di Udine – ha detto il presule –, essere la città dei santi Ermacora e Fortunato, significa qualificarsi per i grandi valori per cui loro hanno vissuto fino al martirio e nei quali, a nostra volta, vogliamo continuare a credere”. Fotografia di E. Varutti

Nota sui patroni di Udine
In poche parole Ermagora sarebbe stato scelto da San Marco, nel 50 d.C., come primo vescovo della comunità di Aquileia. Fu quindi consacrato a Roma da San Pietro. Secondo una tradizione dei secoli VIII-IX si sarebbe trattato di un gentile convertito da Marco. Fortunato sarebbe stato il diacono di Ermagora. I due religiosi subirono assieme il martirio ad Aquileia nell’anno 70, inflitto loro, secondo la leggenda, da un certo Sebasto.


Bibliografia
Andrea Bruno Mazzocato, Siamo una cosa sola perché il mondo creda. Le Collaborazioni pastorali. Nuove opportunità per l’azione missionaria della Chiesa sul territorio friulano, 2018.



Dopo adeguata consultazione, sono state utilizzate le notizie del sito web dell’Arcidiocesi di Udine, che si ringrazia per la diffusione e pubblicazione in questo blog. 

--
Servizio giornalistico e di Networking a cura di Tulia Hannah Tiervo, Sebastiano Pio Zucchiatti e E. Varutti. Fotografie di E. Varutti. L'Associazione Nazionale Venezia Giulia Dalmazia (ANVGD), Comitato Provinciale di Udine, ha la sua sede in Vicolo Sillio, 5 – 33100 Udine. Telefono e fax 0432.506203. Presidente dell’ANVGD di Udine è Bruna Zuccolin.
Duomo di Udine, festa dei patroni con tanti labari e bandiere. Fotografia di E. Varutti

Fabiola Modesto Paulon, decana dell'ANVGD accanto al labaro del sodalizio, Duomo di Udine, festa dei patroni 2018. Fotografia di E. Varutti

Duomo, interno con labari e bandiere

Pietro Fontanini, sindaco di Udine parla, in friulano, al pubblico dopo la cerimonia religiosa vicino all'arcivescovo e alle reliquie dei Santi Ermacora e Fortunato. Fotografia di E. Varutti